Il blog di Quindo

Fear-of-missing-out.jpg

Dipendenza dalla rete: la FoMO e le sue potenzialità

Nell’era moderna, quella in cui sembra diventato impossibile vivere senza essere connessi ad internet ed in particolare ai social network, la FoMO rappresenta un fenomeno in costante crescita: ma cos’è? Acronimo di Fear of Missing Out, letteralmente “paura di perdersi” indica il timore di non essere connessi H24 e perdere quindi aggiornamenti in tempo reale dei nostri following o dei nostri amici sui social o addirittura di essere dimenticati o esclusi da tutte quelle dinamiche virtuali nel quale siamo immersi quotidianamente.

La Royal Society for Public Health, in collaborazione con lo Young Health Movement ha studiato il fenomeno della dipendenza dei giovani dai social network, mettendo in evidenza i principali sintomi riscontrati da coloro che possono essere definiti i “tossici del web” e tra questi troviamo proprio la FoMO.

Gli effetti psicologici

La teoria dell’autodeterminazione (SDT) afferma che la connessione con gli altri è un bisogno emotivo legittimo, che influenza la salute psicologica delle persone. In questo quadro teorico, la FoMO può essere intesa come uno stato di autoregolamentazione derivante dalla percezione che i propri bisogni non vengono soddisfatti. Questa ansia sociale è caratterizzata dal desiderio di rimanere continuamente connessi con ciò che gli altri stanno facendo; può essere definita anche come paura di avere rimpianti, ovvero di perdere un’opportunità di interazione sociale, una nuova esperienza, investimenti redditizi o altri eventi piacevoli, scatenando ansia, malumore e perdita di sonno, con conseguenti effetti negativi sulla qualità della vita.

Una risorsa per il marketing?

Chi lavora nel marketing può intuire facilmente come questo timore possa essere sfruttato come vantaggio, sia nei i negozi “reali”, sia negli e-commerce: un esempio molto esplicativo è il Black Friday, giornata in cui viene creata urgenza, un senso di scarsità ed ansia nel potenziale compratore, che spinge all’acquisto compulsivo di cose di cui in realtà non necessita. Stessa cosa accade per tutte quelle offerte e sconti lanciati per periodi brevi, come i saldi (che stanno per cominciare e di cui parlano addirittura i telegiornali), per creare un senso di necessità e spingere all’acquisto.

Gli e-commerce e la FoMO

Negli e-commerce esistono dei meccanismi ancora più funzionali dal punto di vista del venditore perché l’acquisto può e deve essere effettuato all’istante e con un click, senza troppa fatica e senza eccessiva perdita di tempo (queste condizioni solo se abbiamo sviluppato un e-commerce funzionale ed intuitivo). Un trucchetto molto utilizzato è il contatore, ovvero un timer che scorre in evidenza mentre navighiamo sul sito e che ci indica il tempo rimanente per effettuare l’acquisto con le promozioni attive. Questo meccanismo crea nell’utente una sensazione di fretta e di inconsapevole bisogno di comprare ed aumenta la possibilità che l’acquisto venga concluso. L’utilizzo di questo strumento, come di altri simili, può davvero rappresentare un grosso vantaggio per incanalare l’attenzione dell’utente, soprattutto se l’e-commerce è legato ad una pagina social e l’offerta/promozione viene sponsorizzata in modo ottimale.

Attenzione però a non esagerare: le promozioni devono essere reali e ben delineate, sia nei tempi che nei modi, altrimenti si perde credibilità ed efficacia e si rischiano addirittura sanzioni. Come quel noto marchio di divani, che ha gli ultimi giorni di sconti… più o meno da 5 anni!

Dorothy Del PreteDipendenza dalla rete: la FoMO e le sue potenzialità

Sei arrivato fino in fondo all'articolo?

L'hai davvero letto tutto tutto? Allora non puoi che condividerlo sui social! Fai sapere al mondo quanto siamo bravi bravissimi... anche a scrivere articoli.
PS: anche se non l'hai letto per intero ma hai trovato che le parti in grassetto fossero fantastiche, cosa aspetti? Condividilo lo stesso! ;)

Nome (*)

Email (*)

Telefono (*)

Di cosa si occupa la tua azienda?

privacy Acconsento al trattamento dei dati secondo le modalità qui riportate.

Partecipa alla conversazione