Tech Audit SEO

Esperienza, competenza, professionalità e metodo. Sono queste le caratteristiche che rendono Quindo l’agenzia SEO specializzata dai risultati garantiti. La partenza? Un’analisi SEO approfondita e un audit SEO tecnico che metta in luce tutte le potenzialità del tuo sito.

Iniziare un viaggio senza avere una meta precisa può essere divertente. Ma avere una meta e non sapere quale sia la strada per raggiungerla è frustrante. Con la SEO Onsite è la stessa cosa: abbiamo un obiettivo per il nostro viaggio, che è l’ottimizzazione, e abbiamo un punto di partenza, che è il nostro sito. Solo un’ Audit SEO approfondita potrà dirci qual è la strada migliore per arrivare ai migliori risultati.

Cos’è il SEO Audit?

Il SEO Audit, o Audit SEO, o Analisi SEO è la prima fase di ogni attività SEO che si rispetti e include la revisione e la verifica di tutte le caratteristiche del sito web che possono in qualche modo avere un impatto sulla SEO.

L’analisi SEO serve a capire cosa funziona e cosa no nel sito da ottimizzare e a determinare l’attuale posizionamento rispetto al tuo utente, ma anche al mercato di riferimento. 

Il SEO Audit mette dunque in luce eventuali criticità, identifica punti di forza e di debolezza del sito rispetto ai concorrenti e permette di agire per eliminarne i punti deboli e posizionare al meglio il tuo sito web.

Quali possono essere le criticità messe in luce da un’analisi SEO professionale?

Una Technical SEO Audit svolta con attenzione analizza ogni pagina del sito, con l’obiettivo di ottimizzarne tutti gli elementi per i motori di ricerca. Per questo, oltre a parlare di Onsite SEO – cioè di SEO che punta a ottimizzare il sito in sé, al di là del lavoro che si potrà poi fare poi attraverso la Link Building, aumentando l’autorevolezza e portando traffico qualificato – si parla di On page SEO, sottolineando la complessità degli interventi necessari per l’ottimizzazione di un sito.

Ecco quali sono i problemi che possono emergere in fase di SEO Analysis:

 

  1.  Ranking e performance. Il sito è indicizzato? Come si posiziona rispetto ai competitor? È abbastanza veloce? È responsivo, cioè è facilmente navigabile da dispositivi mobili? Ha il protocollo https?
  2.  Contenuto. Ciò di cui parla il tuo sito è interessante per chi naviga? C’è coerenza tra contenuto e parole chiave? C’è attenzione alla gestione del contenuto in modo che nulla sia duplicato e ogni cosa sia originale, coerente e pertinente?
  3.  Gestione dei link. Esistono link interni rotti, reindirizzati o non funzionanti? I backlink sono tutti coerenti e verificati?
  4.  Analisi dati e tracciamento. I sistemi che permettono di tracciare il traffico sul tuo sito sono configurati correttamente?
  5.  Multilingua e geolocalizzazione. Il tuo sito indicizza correttamente le pagine locali? E l’eventuale multilingua è configurato nel modo giusto per far sì che Google indirizzi ogni utente, in base alla provenienza geografica, sulla lingua corretta?

Spesso alcuni di questi aspetti sono mancanti, anche a causa di una precedente migrazione senza un supporto SEO. Cambiando la URL, la struttura o il layout del sito, infatti, è necessario predisporre una serie di accorgimenti perché Google continui a indicizzarlo correttamente.

E poi che cosa succede?

Al termine dell’analisi SEO sul tuo sito web ti consegniamo un report dettagliato con tutte le indicazioni per ottimizzarlo al meglio. E se non vuoi o non puoi occupartene, al temine della SEO Site Analysis procediamo con una consulenza SEO per l’ottimizzazione SEO Onsite, facendo così in modo che il tuo sito abbia tutti i requisiti necessari per un buon posizionamento organico sui motori di ricerca.

Fissa un appuntamento