SEO Audit: cos’è, a cosa serve e perché è importante

Analisi dei dati in una seo audit

Quando parte un nuovo progetto SEO, la prima attività da svolgere è quella di comprendere a che punto è il sito in questione, quali sono le principali criticità e quali invece le opportunità.

Quindi la seo audit cos’è ?

La SEO Audit è un documento in cui vengono riportati gli aspetti tecnici di un sito, un’analisi approfondita che riporta lo stato di salute e su cui viene definita la strategia SEO da seguire per raggiungere gli obiettivi prefissati con il cliente in termini di posizionamento del sito.

Perché è importante

L’Audit SEO è come una bussola, indica la direzione da prendere partendo dalla stato di salute di un sito web.

Supponiamo che io mi senta male. Ho un forte mal di pancia, che da giorni non riesco a far passare. Posso tentare di prendere medicine a caso sperando che qualcuna di queste funzioni, oppure posso rivolgermi ad un medico, che mi prescriverà le analisi del sangue, scaverà nel mio trascorso per capire se ho avuto gli stessi sintomi in precedenza, si accerterà che io non abbia particolari allergie verso certi farmaci ed, infine farà una diagnosi.

Ecco, la diagnosi del dottore è un po’ come la SEO audit di un sito.

Ci permette di identificare i punti deboli, stabilire delle priorità e capire la direzione da prendere per “curare” il tuo sito. Senza tentativi senza senso dettati da intuizioni poco tangibili.

Quali sono gli aspetti importanti da analizzare?

Durante l’analisi di un sito web è bene capire alcuni aspetti strutturali e altri aspetti strategici.

Tra gli aspetti strutturali bisogna tenere conto di elementi tecnici, come le prestazioni in termini di velocità, la pulizia del codice, il CMS utilizzato e gli eventuali errori presenti internamente al sito.

Per quanto riguarda la strategia si effettua una fotografia dell’alberatura attuale e si vanno ad intercettare quelli che possono essere gli obiettivi reali e le buyer personas da cui vorremmo farci trovare.

Definire chi sono i nostri clienti ideali sarà un punto cruciale per andare ad intercettare intenti di ricerca e individuare le parole chiave strategiche su cui è meglio lavorare.
L’identificazione di questi clienti tipo aiuta, inoltre, ad allineare il team del cliente con il team della SEO Agency nella stesura e definizione dei contenuti del sito.

A questo punto passiamo all’analisi delle keyword su cui il sito, blog o e-commerce è già posizionato, ma con pessimi risultati, quelle su cui riceve già risultati discreti e quelle su cui invece potremmo essere presenti ma ancora non lo siamo.

A chi serve la SEO Audit?

Chiunque abbia intenzione di intraprende un percorso di ottimizzazione per i motori di ricerca del proprio sito, dovrebbe iniziare da un’analisi SEO approfondita.

Questo permetterà di tracciare una mappa chiara del percorso intrapreso fino a questo punto e la direzione da prendere.

Se il tuo sito ha avuto un calo nel posizionamento di certe parole chiave, oppure non riceve più il traffico proveniente dalla ricerca su google di un po’ di tempo fa e ti stai chiedendo cosa sia potuto accadere. O ancora se le performance sono statiche, non crescono da un po’ e non rispecchiano le tue aspettative di crescita.

Inoltre un documento condiviso permette di avere una stessa base di partenza e agevola la comunicazione con i team SEO e copy e con il cliente.

Quali strumenti

Per poter fare un’analisi dettagliata di un sito web utilizzo generalmente alcuni tool specifici, oltre ad un’analisi “analogica” del sito.

I tool principali ai quali mi affido sono:

Nello specifico reputo gli strumenti di Google (se disponibili e quindi correttamente installati sul sito e /o verificati) la base dalla quale partire per determinare lo stato dell’arte.

Google infatti ci dà già una grossa mano con questi due strumenti gratuiti con i quali possiamo attingere a tantissime informazioni riguardo allo stato di salute, al comportamento degli utenti sul sito e sulla SERP.

Per il secondo step mi avvalgo di Screaming frog, per una prima scansione tecnica. Mi permette infatti di rilevare quali sono gli errori presenti internamente e le principali criticità a livello di codice e di struttura sotto il punto di vista della SEO.

Per il posizionamento delle keyword e per un’analisi semantica mi affido ad Ahrefs e SEMrush. Entrambi gli strumenti mi permettono di individuare la posizione attuale di alcune pagine per determinate parole chiave e di individuare intenti di ricerca e competitors principali.

Last but not least l’analisi si estende dunque all’analisi dei backlink. In questa fase entra di nuovo in campo Ahrefs, che ci permette anche di rilevare velocemente la presenza di backlink strategici rotti (persi) e Majestic SEO, per completare il quadro e l’analisi clinica.

Quindi per fare una seo audit basta affidarsi ad un tool a pagamento?

No, assolutamente no. Ed è un errore grossolano che fanno in molti.

È vero, semrush, seozoom e molti altri tool hanno tra i loro strumenti interni la site audit, ma questa, da sola, senza saperla interpretare e confrontare con una ricerca analitica e analogica della situazione non basta.

Tornando all’esempio del mal di pancia, corrisponde un po’ a scrivere “rimedi mal di pancia” su Google e affidarsi ai risultati trovati online per curarsi.

Troverò tante informazioni, anche utili, ma se non so interpretare questi risultati e fare le giuste connessioni, principalmente dettate da studio ed esperienza, rischierò di sottovalutare un ulcera, oppure di pensare di confondere un’indigestione pensando invece di essere in punto di morte.

Non rischiare l’ulcera e affidati a professionisti preparati ed esperti! 😉

Articoli Correlati

Come scrivere un articolo SEO: le linee guida

Scrivere articoli in ottica di SEO copywriting è tra le attività più efficaci di inbound marketing, un articolo progettato in ottica SEO ti... more

Ricerche Google con “zero click”: cosa sta succedendo in SERP?

Quante volte ti è capitato di fare una ricerca su Google e trovare la risposta senza dover cliccare su nessun risultato Questa situazione... more

Meta tag title e description: come scriverli e perché scriverli bene

Tra le attività di ottimizzazione onsite che un consulente SEO svolge quotidianamente, c’è l’ottimizzazione dei meta tag title e... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!