Professioni digitali: chi è il growth hacker e cosa fa

il growth hacker e gli obiettivi

Sicuramente negli ultimi tempi vi sarà capitato di leggere il termine Growth Hacker un po’ ovunque.

Nato e celebrato in ambito startup, il growth hacker è oggi richiesto da moltissime aziende, affiancandosi ai professionisti del marketing per migliorare le performance della società online.

Per avere la certezza che si tratti di una figura molto ricercata basta fare un giro sui vari siti di annunci di lavoro da Linkedln a Monster passando per Indeed, e troveremo migliaia di posizioni aperte in tutto il mondo. Startup e grandi aziende, imprese digitali e tradizionali, sono tutte alla ricerca di questa figura che ormai gli americani chiamano “unicorno”, proprio a sottolinearne la rarità.

Qualche tempo fa Alessia Camera ci aveva spiegato cosa fosse il Growth Hacking, riportiamo brevemente: si tratta di un processo che consiste in una sperimentazione piuttosto veloce delle diverse tecniche di marketing per portare un’attività al successo e intersezione di una serie di discipline e ambiti a volte molto diversi tra di loro.

In questa metodologia di lavoro troviamo aspetti di marketing che si fondono a una profonda conoscenza del prodotto, che si poggiano su una dimestichezza con i numeri che, a loro volta, fanno leva su delle buone basi tecniche.

Tecnicamente è una combinazione di marketing, programmazione e service design in grado di individuare i metodi più efficaci per far crescere il proprio business, attraverso tecniche di SEO, SEM, Email Marketing, attività sui Social Network e A/B testing.

Il growth hacking funziona perché il growth hacker è una figura professionale con conoscenze approfondite e trasversali in campo web marketing, per questo motivo è in grado di individuare i canali giusti per far crescere un business e abbandonare velocemente i canali che non portano crescita.

Il growth hacker non è un SEO, nemmeno un SEM e nemmeno un Social media manager ma ha delle solide conoscenze di tutte e tre le discipline. È un marketer, sa che bisogna combinare diversi canali come SEO, content marketing, social media, advertising, e-mail marketing e molti altri per educare l’utente e convertirlo in un cliente, sa che raccogliere e interpretare i dati raccolti cercando risposte in strumenti di analytics è necessario per orientare i processi di marketing.

Un growth hacker sa gestire campagne pubblicitarie avendo cura di scegliere le piattaforme più adatte e performanti, è in grado di gestire budget e bidding, selezionare il target e ottimizzare la creatività con l’obiettivo di ottenere conversioni.

Crescita startup

Sono molte le start-up che hanno applicato al loro interno questa tecnica e che, ad oggi, sono diventate dei veri e propri colossi. Qualche nome? Dropbox, Hotmail, Airbnb, Groupon, Instagram, Pinterest, Snapchat, giusto per citarne alcune famosissime.
Il growth hacking ha le sue radici proprio qui: nelle start-up tecnologiche dove era necessario un nuovo approccio al marketing per distinguersi in un mercato sempre più affollato e, per certi versi, saturo.

Chi è un buon Growth Hacker

  • Ha un forte spirito imprenditoriale, corre dei rischi e se ne assume le responsabilità.
  • È disciplinato: il growth hacker svolge i processi con passi ben definiti.
  • Ha lo spirito del leader: la sua è un’attività collettiva che coinvolge tutto il team e impatta il prodotto in maniera profonda. Ecco perché la persona a capo di questo progetto dovrebbe avere le competenze di un leader per coinvolgere tutto il gruppo.
  • È orientato ai dati e gestisce le decisioni non in base all’istinto ma in base ai dati.
  • È curioso e sperimenta nuove tecniche e nuovi approcci al marketing.
  • Il Growth Hacker è un professionista che pensa out of the box.

Cosa fa il Growth Hacker?

  • il Growth Hacker è un professionista che conosce i principi di digital marketing e di programmazione.
  • Lavora con risorse limitate, budget contenuti e tempi serratissimi;
  • Fa sì che aumentino il traffico e le conversioni per trasformare quanti più visitatori possibili in lead.
  • Gestisce il processo, non il team: la leadership di cui parlavamo prima non deve essere orientata alla gestione del team, ma alla gestione del processo.

Quanto guadagna e con quali aziende collabora un Growth Hacker?

Secondo i dati forniti da Indeed in America un Growth Hacker guadagna tra gli 80.000 e i 100.000 dollari annui ma almeno che tu non sia disposto ad attraversare l’Atlantico sappi che questa figura professionale non è ancora molto diffusa in Europa e in Italia. Il che lascia quindi ampio spazio a tutti quei professionisti di digital marketing che puntano a diventare i più ricercati dalle aziende e dalle agenzie di comunicazione.

Startup, piccole e medie imprese, sono sempre alla ricerca di Growth Hacker in grado di ridurre i costi e sfruttare le risorse del web, sei pronto a rivoluzionare il mondo del digital marketing e a diventare un pirata della crescita?

Articoli Correlati

SEO Audit: cos’è, a cosa serve e perché è importante

Quando parte un nuovo progetto SEO, la prima attività da svolgere è quella di comprendere a che punto è il sito in questione, quali sono le... more

Come eliminare una pagina da Google (per sempre)

Cosa significa cancellare una pagina da Google Cancellare una pagina da Google significa eliminare dai risultati di ricerca (SERP) un link... more

Dipendenti e clienti felici con lo smart working

Un lavoratore felice lavora bene Un lavoro fatto bene rende felice il cliente Con questa premessa voglio parlarvi dello smart working e del... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!