Migliori SEO tester online

SEO tester online

Se vuoi sapere se il tuo sito è ottimizzato devi conoscere l’importanza di un SEO test e dei tool da utilizzare.

 

Infatti, per realizzare una SEO audit, cioè una valutazione riferita alla situazione di un sito, alla sua “Salute” e anche alle modifiche che si potranno apportare al sito stesso, è necessario avvalersi di Tool professionali.

Grazie ai test SEO sarà anche possibile capire se il sito sia raggiungibile, quanti clic sia in grado di calamitare, e quali siano le parole chiave più utilizzate per arrivare al tuo sito. Nel momento in cui ti dovrai occupare di effettuare un SEO test dovrai prendere in considerazione sicuramente questi aspetti:

  • SEO on page
  • Contenuti
  • Link profile

Per farlo avrai la necessità di affidarti a degli strumenti particolari, come i SEO tester online, grazie ai quali, con pochi clic potrai immediatamente capire come starà il sito e anche su quali aspetti continuare ad intervenire.

Per questo ti proponiamo i migliori strumenti per il SEO test online, grazie ai quali potrai avere a disposizione tutte le informazioni necessarie per svolgere il tuo lavoro.

 

SEO test online: il check on page

Il primo passaggio sarà quello del check SEO sul sito, quindi la così detta valutazione on page. Questo passaggio ti consentirà di capire il punto al quale ti troverai, e anche di comprendere su che cosa dovrai concentrare il tuo intervento, ad esempio nel caso in cui ti venga richiesto di effettuare un restyling del sito stesso.

Potrai, così, valutare l’architettura del sito, il suo codice e anche quale potrebbe essere la user experience. Il primo SEO friendly test che potrai fare da questo punto di vista sarà riferito alla duplicazione dei contenuti.

I contenuti duplicati, infatti, mandano in confusione i motori di ricerca e questa confusione potrebbe arrivare a penalizzare in modo anche molto rilevante il sito stesso.

Per realizzare questo tipo di ricerca potrai utilizzare due strumenti:

  • Screaming Frog

  • Visual SEO

Questi valuteranno proprio la presenza dei famigerati contenuti duplicati e ti eviteranno, quindi, i disagi legati alla loro permanenza all’interno del tuo sito.

Poi, se vorrai effettuare un’analisi più approfondita, e ottenere un report completo che si riferisca allo stato di salute del sito, potrai affidarti a strumenti più completi e complessi, come Site Audit realizzato da SEMrush.

In questo modo potrai già avere un quadro completo della situazione del sito che ti starai occupando di analizzare con un SEO tester online. Un altro passaggio essenziale per il tuo SEO test sarà costituito dalla valutazione della presenza di errori, tra i quali il più temuto è sicuramente l’errore 404.

Anche una pagina che riporti questo errore può arrivare a penalizzare pesantemente un intero sito, ed è per questo che non potrai sottovalutare tale elemento nella tua analisi. Sappi che per effettuare questo tipo di SEO test ti sarà sufficiente la Search Console di Google.

Nella tua console, infatti, troverai la parte che si chiamerà Errori di Scansione: utilizzala soprattutto se non hai ancora scandagliato in modo approfondito il sito al quale starai lavorando, in modo da eliminare fin da subito le forme di errore più grossolane.

La tua valutazione, poi, dovrà continuare con il codice Html e anche con il controllo riferito agli errori di questo tipo. Esiste un tool che ti consentirà di effettuare la verifica di tali criticità in modo abbastanza semplice e si tratta di quello che potrai trovare al seguente indirizzo:

https://validator.w3.org/

e che comprenderà anche l’attinenza rispetto agli standard w3c.

Il tuo SEO test, inoltre, non potrà lasciare da parte quella che viene chiamata user experience: dovrai capire come l’utente sia in grado di navigare all’interno del sito, e se ci siano problemi a tal proposito.

Eccoti una serie di tool che potrai utilizzare per fare i tuoi test SEO riferiti alla user experience:

  • Tinypng: questo tool ti consentirà di ottimizzare le immagini per non avere foto troppo grandi
  • Heatingmaps: questo tool ti consentirà di controllare che i diversi heading html siano stati utilizzati nel modo giusto
  • Pagespeed Insights: questo strumento ti consentirà di effettuare una serie di controlli riferiti proprio all’esperienza dell’utente. Ad esempio, controllerà la velocità di caricamento del sito, il caching del browser, ma anche la politica dei cookies

SEO tester online: la valutazione dei contenuti

Oltre a quelli che sono i controlli tecnici riferiti al sito, dovrai anche controllare che il contenuto del sito sia ottimizzato. Per iniziare dall’architettura del sito dovrai utilizzare sistemi di SEO friendly test come WebCEO che controlleranno tutti gli aspetti fondamentali della parte architettonica del sito stesso.

Se hai dei collaboratori e vuoi effettuare una valutazione riferita al plagio potrai utilizzare dei sistemi di test SEO come quelli indicati di seguito:

  • Plagiarism Checker

  • Copyscape

  • Siteliner (quest’ultimo non solo effettua la scansione dei contenuti ma si occupa anche di controllare tutti gli altri aspetti del sito)

Ovviamente, poi dovrai valutare le parole chiave presenti all’interno dei contenuti del sito, ma per questo gli stessi strumenti di pubblicazione, come WordPress, hanno elemento che ti consentiranno di effettuare SEO test online.

 

SEO tester online: la link popularity

Infine, dovrai effettuare una valutazione riferita alla così detta link popularity. Questa comprende, ad esempio, la verifica dei backlink, dei link in uscita e degli anchor text.

Per effettuare il controllo riferito al profilo di backlink per il tuo sito potrai utilizzare un tool come Site Explorer di ahrefs. Essenzialmente, potrai vedere quali tipi di siti si stiano occupando di effettuare un link verso il tuo sito, e anche quali siano, ad esempio, gli anchor text utilizzati.

Potrai, così, iniziare a capire quali siano le interazioni che il pubblico potrebbe avere rispetto al tuo sito anche provenendo da altri spazi sul web; e decidere se attuare una strategia di Link Building.

Utilizzando Open Site Explorer, invece, potrai fare un controllo riferito anche all’autorità delle pagine dalle quali provengano i clic.

Infine, nel caso in cui tu abbia la necessità di controllare che i tuoi link in uscita, o comunque i tuoi link esterni,  siano funzionanti potrai utilizzare due strumenti diversi:

  • Xenu (per pc)

  • Integrity (per Mac)

Ovviamente non tutti i Tool che abbiamo citato sono gratuiti e non forniscono delle valutazioni o delle soluzioni personalizzate per i vostri siti web, per questo è bene affidarsi ad una Agenzia SEO esperta per valutare ottimizzare un sito web.

Articoli Correlati

Perché ti serve la SEO

La SEO in parole semplici È realtà dimostrabile che le forme tradizionali di marketing (outbound marketing) come la pubblicità su carta... more

Come diventare SEO

Tra le domande che mi vengono rivolte più spesso "come si diventa SEO" o quali sono libri e corsi SEO che consiglio, sono sempre le più... more

Google Page Experience Update: cosa è cambiato?

A novembre 2020 risale l’annuncio del Page Experience Update, data nella quale ovviamente ogni SEO ha cominciato a tremare Nei mesi successivi... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!