Qual è la differenza tra link building e digital PR?

link building e digital pr

Il web, negli ultimi anni, ha visto nascere figure professionali nuove, ma nello stesso tempo, anche molte delle professioni “tradizionali” si sono evolute e adattate a questa nuova realtà, che ha stravolto la nostra quotidianità.
In questo articolo vedremo cos’è la link building e come si sono trasformate, nel web, le pubbliche relazioni.

Quello delle pubbliche relazioni è un mestiere antico, che rappresenta da sempre uno dei capisaldi della comunicazione. L’attività delle pubbliche relazioni, intesa in maniera classica, quella cioè che prevede i contatti diretti con testate giornalistiche e televisive, l’organizzazione delle conferenze stampa o la redazione dei comunicati stampa, è assolutamente necessaria alle aziende, per far crescere la loro “brand awareness”.

L’obiettivo di queste attività è far parlare del marchio, attraverso un articolo su un giornale, una citazione in una testata giornalistica, un’intervista in televisione o anche attraverso l’attività di product placement, ovvero l’apparizione in un film, in una serie o in uno spettacolo televisivo di un determinato prodotto (ad esempio una camicia o una macchina con il marchio ben visibile e così via…).

Con l’avvento della rete, quest’attività non è sparita, ma si è evoluta e si è adattata a questo potente mezzo di comunicazione.
Di solito, quando si sente parlare di Digital PR, si sente anche nominare la strategia di link building: perché? Cosa hanno in comune queste due attività?

Vediamo, dunque, di cosa si occupano le Digital PR e la link building e perché queste due attività camminano a braccetto.

Digital PR: cosa sono

Per spiegare al meglio cosa sono le Digital PR ci viene incontro Wikipedia:

“Le Digital PR sono quelle attività online volte a promuovere prodotti, servizi, progetti o eventi di un’azienda o di un’organizzazione attraverso relazioni digitali”.

Quello che sostanzialmente cambia rispetto alle PR tradizionali sono gli strumenti e la modalità di lavoro. Uno specialista in Digital PR collabora a braccetto con il team SEO e il reparto del web marketing, al fine di integrare le sue attività nella strategia digitale.

Dunque, un Digital PR cosa fa?

Un digital PR è un professionista che si occupa di gestire i rapporti online: costruire la web reputation del brand, monitorare le conversazioni nelle community e aumentare la percezione del pubblico di riferimento. Spesso i loro interlocutori sono gestori di grandi portali o giornalisti, influencer e blogger.

Gli obiettivi e, dunque, anche il lavoro di uno specialista di digital PR, rispetto a chi fa pubbliche relazioni tradizionali, è facilmente misurabile. Ogni link, ogni click online, è tracciabile ed è più facile, dunque, determinare se un certo tipo di strategia funziona o meno.

L’attività di Pubbliche Relazioni è sicuramente un’attività stimolante, è certamente uno di quei lavori in cui non si ci annoia mai, ma molte volte si investono giornate intere anche solamente per riuscire ad ottenere una menzione. Questo fa sì che le risorse necessarie per raggiungere l’obiettivo siano piuttosto elevate.

Cos’è la link building

L’attività di link building, così come dice la parola stessa, è la costruzione di una rete di link che aiutano a determinare l’autorevolezza del sito sui motori di ricerca.

Anche in questo caso ci facciamo dare una mano da Wikipedia per comprendere la definizione di questo termine:

“La link building è una tecnica SEO volta a incrementare il numero di link in ingresso verso un sito web. La link buidling, inoltre, contribuisce ad aumentare il Domain Rating (DR) di un sito web. Lo scopo di questa pratica, in sostanza, è quello di incrementare la popolarità del sito in questione, a volte per conferire maggiore autorevolezza alla fonte”

In parole semplici, la strategia di link building mira a migliorare la visibilità di un sito, attraverso link da siti autorevoli, poiché il numero, ma soprattutto la qualità, dei link ottenuti da un sito, costituiscono uno dei fattori principali di posizionamento sui motori di ricerca.

Mentre fino a qualche anno fa Google “contava” più che altro il numero di link in ingresso, adesso le cose sono cambiate e il motore di ricerca tiene conto della provenienza dei link e della qualità dei contenuti.

Lo scopo di una campagna di link building è, quindi, il miglioramento del posizionamento nella SERP e l’aumento del traffico al sito.

Come fare link building

Come per ogni attività SEO, si parte da un’accurata SEO Audit, analizzando il mercato di riferimento, i link in ingresso dei competitor e il loro posizionamento, al fine di costruire una strategia basata sulla ricerca di siti, blog in cui poter collocare contenuti mirati a migliorare la visibilità di specifiche parole chiave.

Per raggiungere gli obiettivi di miglioramento in SERP delle parole chiave individuate, uno dei metodi principali e più efficaci è la produzione di contenuti studiati in ottica SEO: i Guest Post.

Questi articoli devono essere scritti in maniera corretta, soprattutto in italiano corretto, devono avere dei contenuti che trattano in maniera generale dell’argomento su cui si vuole fare strategia, devono contenere le parole chiave individuate nella Seo Audit e, soprattutto, in tutti deve essere presente il link di atterraggio al sito che si vuole posizionare.

Una volta finita la stesura dei Guest Post, inizia la fase delle “pubbliche relazioni”.
Il link builder, infatti, dovrà costruire una rete di link da siti autorevoli che puntino al sito del cliente, scegliendo, a differenza delle Digital PR, siti specializzati o più di nicchia, con traffico anche più modesto.

La ricerca dei link è la fase più difficile, perché questi, in una campagna di link building, sono molti e ci sono molte metriche da dover analizzare come, ad esempio, la Domain Authority o il Trust Flow per valutare la qualità dei siti.

Per fortuna, però, esistono migliaia di siti tra cui scegliere che possono ospitare i link.

L’importanza dei report per le Digital PR e la Link Building

Che si tratti di Digital PR o di Link building, un ruolo fondamentale, da non sottovalutare nel rapporto con il cliente, sono i report.

Il raggiungimento dell’obiettivo, soprattutto nell’attività di Link building, è facilmente misurabile.

Dunque, la creazione di documenti, che possano dimostrare il reale lavoro sostenuto, è di fondamentale importanza, perché attraverso report mensili o trimestrali, il cliente può osservare il valore che queste attività danno al proprio business e, soprattutto, al miglioramento in termini di posizione e traffico del proprio sito.

Articoli Correlati

Costruire un profilo backlink di successo

Costruire un buon profilo backlink è un po' come costruire una casa: se viene eretta su fondamenta forti e ogni mattone è messo al posto... more

5 consigli pratici per gestire i link interni del tuo sito

Si dibatte sempre molto sui backlink e sulle strategie di link building ma altrettanto importante è gestire (bene) i link interni di un sito,... more

Come valutare un sito web in una campagna di link building

SPOILER In questo articolo ti raccontiamo come praticamente si articola una campagna di link building, fatta responsabilmente, da... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!