Footer del sito, cos’è e come migliorarlo

footer sito web

In anni di codici ho sempre dato poca rilevanza al caro footer, uno di quegli elementi lasciati sempre per ultimi, colorati in nero quasi la totalità delle volte in cui inserire in piccolissimo i dati societari dell’azienda.

Da quando invece sono in Quindo il footer è diventato un elemento che ho rimaneggiato spesso, per nulla secondario e ottimizzarlo per inserire informazioni di un certo tipo è diventato importante come tante altre parti del sito.

Il footer è la chiusura di un sito web, la parte che si trova in fondo al sito. In WordPress troviamo infatti la chiusura del body e dell’html.

Al contrario di quello che pensiamo il footer risulta essere una parte del sito su cui i nostri utenti passano del tempo, risulta essere, spesso, un’importante strumento di navigazione avendo pagine che spesso mancano nei menu principali o avendo menu “esplosi” come delle vere e proprie sitemap.

 

engagement across the page

Che informazioni inserire nel footer?

Diciamo che in base al tipo di sito verranno inserite delle informazioni. Ad esempio in un e-commerce sicuramente troveremo i link per i resi o per le condizioni di vendita, in un sito istituzionale di azienda troveremo le certificazioni, con l’avvento del GPDR invece non mancheranno in tutti i siti i link a privacy e cookie.

Ricapitolando cosa non dovrebbe mancare:

• Ragione sociale e contatti.
• Link a policy, cookie.
• Link a pagine condizioni di vendita e spedizioni.
• Loghi delle certificazioni
• Icone social
• Copyright, generalmente inserito nella parte inferiore del footer.

 

Creare un buon footer

Un buon footer è strutturato per aiutare l’utente nella navigazione e dargli informazioni utili. Quando ho lavorato al sito di Eni abbiamo inserito in una colonna le informazioni aziendali generiche (ragione sociale, capitale sociale, contatti)  e nel resto un menù diviso per aree tematiche, dalla sezione offerte, alle agevolazioni ai contatti.

Ovviamente per siti piccoli un menu così complesso non avrà necessità di esistere, ma ricordiamoci di inserire sempre i dati societari e i link a privacy e cookie e di aggiungere un link nofollow se sono risorse esterne al nostro sito.

Ci sono vantaggi a livello SEO?

Il footer è un ottimo contenitore di link e di testo e quindi è uno strumento usato per inserire link alle pagine più importanti del nostro sito in termini di strategia.

Ricordiamoci comunque che essendo collegamenti sitewide Mr G. non li vede sempre di buon occhio, soprattutto se palesemente inseriti per una attività di spam di link interni e non per aiutare gli utenti a muoversi agevolmente nel nostro sito. Quindi inserisci solo i link veramente utili agli utenti.

Come modificare su WordPress il footer

La maggior parte dei temi in commercio prevede dei widget per modificare il footer a vostro piacimento. In base al template scelto avremo footer da una colonna, da quattro e via dicendo. Ci basterà aggiungere i moduli desiderati all’interno del probabile footer 1 footer 2 etc.

Ma se volessimo crearcelo noi un footer dinamico nel nostro template custom?

In nostro soccorso, come sempre, arriva Advanced Custom Field PRO e la Option Page. Potremo infatti dire al nostro caro footer quali campi andare ad inserire e potremo editarli comodamente dal nostro backend.

Per prima cosa nel file functions.php inseriamo

functions.php

if( function_exists('acf_add_options_page') ) {
	
	acf_add_options_page();
	
}

E poi all’interno del blocco dove vogliamo far apparire le informazioni inseriamo:

<?php the_field('header_title', 'option'); ?>

Ecco l’esempio di un footer che ho realizzato dove in ogni colonna andrò a richiamare delle informazioni a mio piacimento e potrò editarle dal backend.

 

Dopo questa mini guida ti è venuta voglia di ripensare alle informazioni all’interno del tuo footer?
Se hai voglia di provare ACF per customizzare il tuo footer e hai bisogno di consigli contattaci.

 

Articoli Correlati

Come implementare Google Tag Manager in WordPress

Volete iniziare ad utilizzare il pratico Google Tag Manager nel vostro sito Wordpress, ma non sapete da dove iniziare Ci sono diverse soluzioni... more

Come fare il backup di WordPress

I backup sono importanti, lo sappiamo da sempre, ce lo ripetono in continuazione, il nostro amato CMS ce lo sottolinea ogni volta che c’è da... more

Verificare la sicurezza di WordPress (nerd edition)

Che la Forza sia con te E con il tuo sito Da un pò di tempo a questa parte la sicurezza informatica è diventata un tema mainstream Se ne... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!