Il blog di Quindo

Schermata-2017-02-13-alle-17.22.07.png

Dashboard Google Analytics e Google Data Studio: come usarle per monitorare gli obiettivi

Chi si occupa professionalmente di Web Analysis, sa che la fase di report e presentazione dei dati è importante almeno quanto l’analisi dei dati stessi.

Perché usare dashboard di analisi?

Creare dei modelli di analisi personalizzati è utile almeno per due motivi:

  1. focalizzare gli obiettivi e quindi avere un quadro chiaro e sintetico di dove siamo rispetto a dove vogliamo arrivare
  2. fornire al cliente un report della performance online facilmente leggibile e consultabile

Di seguito esaminiamo come realizzare modelli standard o personalizzati con due strumenti che ci mette a disposizione Google: Dashboard Analytics e Data Studio.

Dashboard Google Analytics

Le dashboard sono insiemi di widget, cioè di grafici o tabelle contenenti dati strategici per le nostre analisi. Possiamo generare degli widget personalizzati direttamente da Google Analytics, oppure usare dei modelli strandard che troviamo in Galleria Soluzioni di Google.

Dashboard Personalizzate

Riportiamo un esempio di creazione widget in una Dashboard personalizzata, ad esempio i canali di acquisizione traffico, da inserire in una dashboard riferita al focus sul traffico organico. Dalla vista di interesse entriamo in rapporti e scendiamo a livello di analisi che desideriamo, in questo caso: Acquisizione > Tutto il traffico > Canali

canali-acquisizione-analytics

aggiungi-alla-dashboardAdesso dal menu in alto facciamo clic su Aggiungi alla dashboard scegliendo se esportare la sequenza temporale e/o la tabella dati.

 

 

Procediamo così con tutti gli widget che ci interessano e facendo attenzione a filtrare i dati in modo da ottenere dei valori corretti e significativi. Possiamo creare una o più Dashboard con i dati che più ci interessano, suddivisi in specifici widget.

Il risultato sarà una Dashboard come questa:

dashboard-traffico-organico-analytics

Modelli Dashboard da Galleria Soluzioni

Google mette a disposizione una serie si strumenti di analisi condivisi dagli utenti stessi. Possiamo infatti trovare dei modelli di dashboard già pronte da applicare ai nostri siti (ovviamente vengono condivisi solo i modelli, non i dati).

Noi di Quindo abbiamo appena condiviso le nostre dashboard di analisi e ti suggeriamo di provarle!
Sono quattro e in particolare sono così impostate:

Per importarle è semplicissimo, basta cliccare su Importa e selezionare la vista di interesse.

Nota: La dashboard obiettivi richiede la personalizzazione degli widget nella colonna destra con i completamenti obiettivo effettivamente impostati nella vista.

Google Data Studio

connettori-origine-google-data-studioIn modo analogo ad Analytics, Data Studio Beta mette a disposizione diverse soluzioni, sia standard che personalizzate.

Per Quindo abbiamo usato un profilo gratuito, ideale per privati o aziende di piccole dimensioni e illustriamo di seguito alcune caratteristiche. Per poter creare dei report con Data Studio, prima di tutto è necessario collegare la sorgente di origine dati del nostro account Google.

 

A questo punto, possiamo scegliere un modello di report standard da tutti i modelli, ad esempio il seguente che troviamo a questo link:

sample-report-google-data-studio

 

 

 

 

 

 

 

 

Adattiamo i dati alle caratteristiche del sito e della vista e otteniamo una dashboard come questa che abbiamo generato per il sito Quindo:

quindo-google-data-studio

 

In alternativa o in aggiunta ai modelli standard, possiamo scegliere un nuovo rapporto da modello vuoto e personalizzare ogni singolo elemento dall’editor intuitivo. Si possono aggiungere grafici, immagini, testi, tabelle da personalizzare nella grafica e nei dati da generare.

Per Quindo abbiamo impostato questo report di esempio dove abbiamo la sequenza temporale con le sessioni totali e il grafico a torta con le sorgenti di acquisizione:

quindo-dashboard-google-data-studio

Conclusioni

L’aggregazione dei dati è molto importante per poter svolgere una buona analisi e per generare rapidamente report significativi.

I numerosi tool di Google sono un ottimo punto di partenza per strutturare delle dashboard di dati, ma è fondamentale imparare a impostarle e personalizzarle in modo appropriato in base alla tipologia di sito, business e obiettivo.

E voi, scusate il gioco di parole, che rapporto avete con le dashboard? 🙂

QuindoDashboard Google Analytics e Google Data Studio: come usarle per monitorare gli obiettivi

Sei arrivato fino in fondo all'articolo?

L'hai davvero letto tutto tutto? Allora non puoi che condividerlo sui social! Fai sapere al mondo quanto siamo bravi bravissimi... anche a scrivere articoli.
PS: anche se non l'hai letto per intero ma hai trovato che le parti in grassetto fossero fantastiche, cosa aspetti? Condividilo lo stesso! ;)

Nome (*)

Email (*)

Telefono (*)

Di cosa si occupa la tua azienda?

privacy Acconsento al trattamento dei dati secondo le modalità qui riportate.

Partecipa alla conversazione