La 1, la 2 o la 3? Creare sondaggi online per il web marketing

La capacità empatica dei sondaggi

Alla base di una strategia di comunicazione vincente c’è un elemento che non deve mai mancare, cioè l’informazione: più informazioni inviamo e riceviamo, più saremo sicuri della strada da percorrere per centrare gli obiettivi di business che ci siamo preposti.

Una digital strategy ben pianificata e diversificata può prevedere tra le sue attività la realizzazione e diffusione di sondaggi, noti nel mondo digitale con il nome di “survey”.

I sondaggi possono essere proposti tramite varie modalità come ad esempio:

  • Attraverso le piattaforme social che ne rappresentano oggi l’esempio più diffuso e riuscito, ottimo per survey rivolti a una platea vasta ed eterogenea, ideali per raccogliere dati di nuovi potenziali clienti.
  • Attraverso il proprio sito che costituisce una modalità più mirata e più centrata se il nostro obiettivo è testare la custumer satisfaction.
  • Attraverso il proprio blog che potrebbe rivelarsi il miglior veicolo se desidero testare, ad esempio, le tendenze della nostra fidelizzata community.

Domandare è lecito, rispondere è cortesia

Grazie ad una survey ben ideata e diffusa possiamo raccogliere, monitorare e aggiornare dati necessari per avere costantemente sotto controllo le risposte ai seguenti quesiti che si rivelano strategici in termini di marketing:

  • Come siamo percepiti rispetto alla concorrenza.
  • Quali sono le necessità dei nostri clienti diretti.
  • Come convertire potenziali acquirenti in clienti fidelizzati.
  • Sapere se il lancio di un nuovo prodotto sul mercato può rivelarsi o no un successo.

I sondaggi sono da sempre uno strumento semplice ma efficace per rimanere vicino ai clienti e captarne la soddisfazione o percepirne i bisogni. Se ben realizzati e proposti ad un campione ben definito possono:

  • Curare la Brand reputation: le piattaforme social ne amplificano l’importanza, facendola diventare una variabile imprescindibile da considerare per ottenere successo nel proprio business;
  • Fornire la risposta a un bisogno conoscitivo, da cui dipende il tipo di ricerca che andremo a effettuare (indagine preliminare, di branding o customer satisfaction);
  • Consegnare dei dati di valore che posso essere di tipo quantitativo, qualitativo o quali-quantitativo a seconda della ricerca che abbiamo effettuato.

Per ottenere dei risultati attendibili come già detto è necessario, oltre che puntare sulla semplicità di comprensione del sondaggio anche sull’adesione: l’omaggio anche in questo caso può essere una buona idea per ricompensare chi si presta a prendere parte alla ricerca.
Come stimolo per fornirci le risposte ai quesiti posti possiamo pensare a elargire ai partecipanti un piccolo benefit in termini di sconti sui servizi, di gadget o di opportunità di scaricare un piccolo contenuto.

Come creare un sondaggio online?
Dalle parole ai fatti o meglio dalle parole alle domande!

Il web ci offre diversi strumenti specifici e i social network prevedono funzionalità pensate per impostare la nostra survey e sottoporla al campione che abbiamo targhettizzato.

Il funzionamento dei “survey tools” è estremamente semplice: solitamente è sufficiente impostare una domanda e definire le possibili risposte.
Tutto il resto sarà gestito automaticamente dalla piattaforma prescelta che fornirà anche gli strumenti necessari per analizzare i risultati della votazione.

Una volta creato il vostro sondaggio dovrete solamente preoccuparvi di portarlo a conoscenza del vostro pubblico, pubblicandolo sul vostro sito web o blog, condividendolo sui vostri canali social, oppure attraverso call to action o l’invio di email.

Decidere di creare un survey è molto semplice, ma per creare un’indagine di successo devi avere le idee molto chiare e rendere le cose il più semplice possibile per i tuoi utenti.

Come vedi, per creare un survey di successo i passi da seguire sono essenziali:

  • Definire l’obiettivo della ricerca.
  • Valutare come misurarlo.
  • Inviare il survey.
  • Premiare i partecipanti.
  • Analizzare i risultati.
  • Perfezionare la strategia di marketing.

Rimane solo da capire con quale strumento possiamo realizzare un sondaggio online in pochi, semplici e in alcuni casi gratuiti, passi. Ne analizziamo alcuni:

1. SurveyMonkey

Probabilmente SurveyMonkey è il più noto strumento di indagine online per la creazione e la distribuzione di ricerche di mercato, per una buona ragione: la versione gratuita offre una vasta gamma di opzioni e l’interfaccia utente, chiara e comprensibile, stimola l’interazione.
Con la versione gratuita è possibile usufruire, oltre ad altre importanti funzionalità, di:

  • 10 domande
  • 100 intervistati
  • 13 differenti tipologie di domande
  • Personalizzazione dei template
  • Incorporazione delle immagini

Per maggiori dettagli su piani e costi: https://it.surveymonkey.com/pricing/details/

2. Google Forms

Google Forms si è aggiudicato la prima posizione tra gli strumenti di indagine online gratuiti, rivelandosi essere inoltre la prima scelta tra le aziende che hanno deciso di avvicinarsi alla creazione dei sondaggi.

Cosa offre Google Forms:

  • Sondaggi illimitati
  • Intervistati illimitati
  • Le risposte e i dati dei sondaggi vengono raccolti automaticamente in Google Spreadsheets
  • È possibile inserire il proprio logo aziendale
  • Aggiungere immagini/video
  • Inserire il sondaggio nell’email o nel sito web.

3. Survio

Survio è un software per la creazione di survey che offre più di 100 modelli d’indagine e oltre 70 modelli di design al fine di personalizzare il più possibile il questionario.

A differenza dei tool di cui abbiamo parlato precedentemente, con Survio la batteria di domande può essere costruita, sempre a titolo gratuito, anche su forme più ricercate come:

  • Scelta singola con immagine
  • Differenziale semantico
  • Matrice con scelta singola
  • Matrice con scelta multipla
  • Matrice con campi di testo

Per maggiori informazioni su piani e costi: https://www.survio.com/it/piani-tariffe

La tua opinione è importante

Usare i sondaggi, in definitiva, è dimostrazione di estrema cura nei confronti dei propri clienti. Mostra infatti, da parte dell’azienda, un certo interesse a conoscere le opinioni, i commenti delle persone, e una forte propensione a tenerli in grande considerazione.

Si partecipa ai sondaggi con lo stesso spirito con il quale andiamo a votare: esprimere la nostra opinione con la speranza che sia utile per rendere la nostra realtà migliore quindi non rimane che dire: che vinca il migliore.

Articoli Correlati

5 Libri sul digital marketing e non che ispirano i buoni propositi

Settembre è il mese dei buoni propositi e quale miglior modo di rincominciare alla grade se non traendo ispirazione dalle buone letture Ma... more

Instagram dice addio alle “metriche della vanità”?

L’ultima notizia che ha gettato in molti nel panico è stata inizialmente annunciata ad aprile in California durante una conferenza, e vede... more

Copywriting persuasivo: quattro tecniche per vendere con la scrittura

Comprendere i principi del copywriting persuasivo ti permetterà di migliorare il tasso di conversione durante campagne di lead generation,... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!