“Top of mind”. Costruire la reputazione online con la SEO

Reputazione e riconoscibilità

Tra le risorse cardine di un business ci sono anche beni intangibili come “la reputazione della marca” (o brand reputation se preferite la versione anglofona):

“Il valore di una marca si basa su una serie di ‘attività’ e ‘passività’ ad essa associate, al suo nome o marchio, che aggiungono o sottraggono valore al prodotto o servizio venduto da un’azienda e acquistato dai consumatori” (“Brand equity: la gestione del valore della marca” David Allen Aaker, 1997)

Le attività e passività a cui si fa riferimento nella definizione, il celebre economista statunitense, possono variare da un contesto all’altro ma per capire quanto un brand sia più o meno presente nella nostra mente, lo studioso ha ideato la cosiddetta Piramide di Aaker, che definisco diversi stati di notorietà di un marchio (brand awarness):

 

  • Unaware of brand l’assenza di conoscenza del marchio da parte di un ipotetico target (rappresentata dalla base della piramide);
  • Brand recognition la conoscenza superficiale del marchio;
  • Brand recall la conoscenza consolidata del marchio;
  • Top of mind rappresenta una notorietà del marchio forte da parte di diversi tipi di target e in diversi contesti socioculturali.

 

Reputazione online: brand awarness e brand reputation

Prima di parlare di come costruire la reputazione online del tuo prodotto è necessario conoscere il significato di due concetti fondamentali per ogni business: brand awarness e brand reputation.

La brand awareness, in italiano diremmo la notorietà o riconoscibilità di marca, è l’indice di quanto il tuo marchio e i tuoi prodotti siano conosciuti dai tuoi potenziali clienti. Lo scopo principale di ogni azienda è quello di essere “top of mind“, il punto di riferimento dei consumatori quando iniziano il processo di acquisto di un prodotto o di un servizio.
Un esempio? Se ti chiedessi di dirmi al volo, il nome di una “crema spalmabile” per la merenda, molto probabilmente la tua risposta sarebbe “Nutella”, perché la Nutella è la crema spalmabile per antonomasia nella mente dei consumatori.

La brand reputation è la reputazione del marchio di un’azienda, ovvero quello che i tuoi clienti dicono di te. Il giudizio dei consumatori è importante perché molti clienti soddisfatti si traducono in ottima reputazione e in aumento di clienti (ma attenzione perché è valido anche il contrario: clienti insoddisfatti generano recensioni negative e cattiva reputazione).

Lo scopo delle attività di brand reputation e brand awarness è quello di creare un rapporto duraturo basato su qualità e fiducia.

Costruire la reputazione online con la SEO

Tutti sappiamo che un buon posizionamento SEO incide (molto) in termini di visite e contatti al sito: i risultati presenti nella top 3 della SERP di Google ottengono il 70% dei click.
Se ciò non fosse sufficiente, essere posizionati meglio rispetto alla concorrenza, tende a suscitare nell’utente un giudizio di valore sulla bontà del prodotto.

Quando insegno, porto sempre due siti di esempio My Personal Trainer e Aranzulla. Se hai cercato su Google almeno una volta i rimedi per le emorroidi o i benefici del magnesio, di sicuro, ti sarai imbattuto nel sito “My Personal Trainer”. Se hai cercato informazioni su come cambiare la suoneria del tuo iPhone o su come aggiornare il tuo computer, avrai letto una guida di Aranzulla.

Due brand che, converrai, hanno costruito la loro credibilità e la reputazione online attraverso la ricerca organica.

Come si costruisce la reputazione online di un brand, con la SEO, in 7 step:

  1. identificare il target ideale, cioè coloro che potrebbero diventare i tuoi clienti
  2. analizzare gli intenti di ricerca, puntando sulle chiavi di ricerca “informative” (guida alla scelta delle scarpe da trekking, come decalcificare la macchinetta del caffè, etc).
  3. creare un blog
  4. definire una strategia per i contenuti e creare un piano editoriale
  5. scrivere contenuti di qualità, cioè interessanti per gli utenti e pertinenti con i tuoi prodotti (e che Google possa digerire facilmente)
  6. creare una campagna di link building a supporto
  7. monitorare l’andamento delle chiavi strategiche

L’obiettivo, come avrai capito, è diventare autorevole su un dato argomento, “top of mind“, il punto di riferimento, così da costruire una reputazione solida (e instaurare un potenziale rapporto di fiducia con i futuri clienti).

Hai bisogno di supporto per la costruzione della tua reputazione online o del tuo brand? Clicca qui.

Articoli Correlati

Come cancellarsi da Facebook (per sempre): gli step da seguire da desktop e smartphone

Riconquistare la propria privacy online Sembra essere una chimera ormai sempre più lontana, ma con il passare del tempo sta diventando... more

Pittogramma, logo o logotipo. Quali sono le differenze e perché sono importanti per la tua identità aziendale?

Pittogramma, logo o logotipo Spesso nel linguaggio parlato si abusa delle parole logo, logotipo e pittogramma senza sapere nello specifico cosa... more

Contenuti obsoleti e vecchi articoli: la rimozione è la strada giusta?

Era il 1998 e aprivi il tuo primo blog, aziendale o personale Da allora hai scritto centordicimila articoli, molti dei quali conterranno ad... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!