Il blog di Quindo

business-869379_1280.jpg

Perché il tuo sito deve avere un corporate blog?

L’importanza di avere un corporate blog all’interno del proprio sito è riconducibile a due motivazioni principali:

  1. posizionamento del sito
  2. creazione di una vera e propria identità di brand avviando un canale comunicativo con i propri utenti che con ogni probabilità sono anche i vostri attuali o potenziali clienti

Stare sopra è importante

Un sito statico con le classiche pagine istituzionali anche se gestito perfettamente dal punto di vista della SEO avrà comunque minori possibilità di essere ben indicizzato da Google  rispetto ad un sito che aggiorna i propri contenuti attraverso un  blog ben gestito alimentato con contenuti di valore.

La prima cosa da fare per organizzare e scrivere un blog aziendale con contenuti di qualità è individuare gli argomenti in linea con il nostro target di riferimento e organizzarli in un calendario editoriale.

Un blog aziendale di successo, infatti, non può prescindere da una buona programmazione editoriale:  per fare questo è importante definire l’ordine degli argomenti da trattare che dovranno essere coerenti con i propri obiettivi di marketing e di visibilità.

Dopo aver ideato il piano editoriale dobbiamo passare a scrivere gli articoli che popoleranno il nostro blog.

Scrivere un buon articolo non significa riempire il testo di parole chiave: dovremo colpire l’attenzione con un contenuto interessante, che tratti l’argomento da un punto di vista originale, in grado di colpire e affascinare il lettore perché è proprio la capacità di essere attrattivi verso il nostro pubblico di riferimento che distingue un blog aziendale di successo da un blog poco efficace.

Pensiamo di essere stati attrattivi, coinvolgenti e risolutivi? Attenzione non dimentichiamoci che il nostro testo deve essere redatto anche in ottica Seo facendo attenzione a scegliere e posizionare bene le parole chiave all’interno del testo, in modo semplice e naturale,  agendo su parametri specifici come tag title, attributo alt delle immagini, tag h1 e h2, inserendo link e in qualche caso backlink che sono fondamentali per la costruzione di un blog efficace e autorevole.

A cosa serve il corporate blog?

Tenendo presente che il duplice scopo di un blog è quello di supportare nel posizionamento il sito aziendale e al contempo di generare traffico, appare evidente il valore dei collegamenti tra le pagine che se inseriti  direttamente nei testi garantiscono un basso tasso di abbandono: l’utente si muove con maggiore facilità nel sito seguendo il collegamento verso l’approfondimento di maggiore interesse in maniera fluida e senza distogliere l’attenzione da quello che legge.

Se il blog funziona i contenuti verranno condivisi sui social, riuscendo a raggiungere un maggior numero di utenti riuscendo nel tempo a creare una vera e propria  community di clienti che, grazie al passaparola sul web, ci farà conoscere ad un pubblico sempre più ampio.

Avere un blog aziendale permette di intercettare i clienti, fidelizzare il pubblico, e soprattutto, creare un dialogo efficace che si ottiene interagendo con i propri clienti usando il loro lessico e il loro modo di comunicare, non deve essere una scusa per farsi palesemente pubblicità, ma un’occasione per parlare di ciò che è legato alla propria attività, fornendo informazioni e consigli; solo dopo aver esposto l’argomento potremo richiamare l’attenzione sui prodotti o servizi offerti dalla nostra azienda.

Un corporate blog, infatti, deve innanzitutto soddisfare il bisogno informazionale dei nostri lettori. Sollecitare curiosità e voglia di approfondire l’argomento trattato invitandolo a mettersi in contatto con noi magari con la compilazione di una call-to action opportunamente inserita che permetterà poi eventualmente di convertire il lettore in futuro cliente permettendoci di ottenere il nostro scopo in termini di business.

Alla luce di quanto esposto se vi è venuta la certezza della necessità ed efficacia del blog ma anche la consapevolezza che per farlo bene non è possibile improvvisare ma occorre investire in risorse e tempo e che richieda un’attività gestita in modo sistematico  avete sicuramente colto nel segno e vi confermo che questa attività da occorre che sia svolta da professionisti, in grado di creare contenuti efficienti e di qualità.

Uno strumento di marketing misurabile

Ultima fase monitorare i dati per capire se stiamo ottenendo risultati proficui attraverso il nostro blog.

Aprire un blog aziendale è un passo legato a una strategia di ampio respiro e di lungo periodo, non ottieni risultati immediati ma li ritrovi nel tempo se hai seguito bene e in modo costante  le regole del gioco.

Misurare i risultati del blog è una parte fondamentale nel lavoro di un blogger. Le domande che ti sorgeranno saranno: i miei visitatori sono fedeli? Quanti sono quelli che scaricano i miei materiali? Quale banner sta ottenendo più clic? In quale pagina hanno compilato i form proposti o le call to action?  Quali articoli li convincono maggiormente e li portano ad iscriversi alla mia newsletter? Un blogger intelligente conosce l’importanza di questi dati ed è per questo che  circa sei mesi dall’avvio del tuo blog  è opportuno fare un punto della situazione e verificare quali post sono stati più letti e commentati.

Lo strumento che se compilato opportunamente può dare la risposta a tutti i tuoi quesiti è Google Analytics, con il quale, attraverso i report che è in grado di  mettere a disposizione, potrai tracciare con dati reali l’interesse nei confronti del tuo blog e correggere il tiro dove serve e trovando continui stimoli per influenzare la tua community.

Simona ChitiPerché il tuo sito deve avere un corporate blog?

Sei arrivato fino in fondo all'articolo?

L'hai davvero letto tutto tutto? Allora non puoi che condividerlo sui social! Fai sapere al mondo quanto siamo bravi bravissimi... anche a scrivere articoli.
PS: anche se non l'hai letto per intero ma hai trovato che le parti in grassetto fossero fantastiche, cosa aspetti? Condividilo lo stesso! ;)

Nome (*)

Email (*)

Telefono (*)

Di cosa si occupa la tua azienda?

privacy Acconsento al trattamento dei dati secondo le modalità qui riportate.

Partecipa alla conversazione