Conversion Rate: dalla formula alle statistiche e-commerce

Le conversioni di un sito web e soprattutto di un e-commerce devono essere misurabili per essere in grado di capire se la nostra strategia è performante. Per valutare le performance di un sito e delle nostre azioni di marketing, dobbiamo osservare il tasso di conversione.

Che cos’è e come si calcola il conversion rate?

Il tasso di conversione o convertion rate è il rapporto tra il numero di visite uniche al sito e il numero di conversioni generato.

Per calcolare il conversione rate basta una semplice formula:

conversioni / visite uniche x 100 = tasso di conversione %

Cosa sono le conversioni di un sito web?

Le conversioni di un sito sono gli obiettivi da raggiungere. Queste devono essere misurabili e possiamo dividerle in due categorie: macro e micro.

Le macro conversioni sono quelle più semplici da individuare, si tratta dell’obiettivo principale, quello per cui abbiamo aperto il nostro sito web. Possiamo identificarle generalmente tra le seguenti azioni:

  • Inviare una richieste di informazione
  • Iscriversi alla newsletter
  • Abbonarsi ad un servizio online
  • Richiedere un preventivo

Le micro conversioni sono un passaggio intermedio che l’utente compie sul sito prima di raggiungere l’obiettivo principale. Si tratta di azioni e/o comportamenti che aumentano il coinvolgimento e l’interesse. Vediamone alcuni esempi:

  • Cliccare su un contenuto multimediale
  • Scaricare un catalogo
  • Commentare l’articolo di un blog

Risulta quindi di primaria importanza identificare fin da subito gli obiettivi e gli eventi da monitorare e misurare.

Per un e-commerce la principale conversione è la vendita

Il tasso di conversione e-commerce è definito da Google come:

“Il rapporto tra transazioni e sessioni, espresso in percentuale. Ad esempio, un rapporto tra una transazione e ogni dieci sessioni sarebbe espresso come tasso di conversione e-commerce del 10%”.

Il tasso di conversione di un e-commerce si calcola quindi con il rapporto tra il numero di visite e il numero di vendite. La formula è la seguente:

transazioni / sessioni x 100 = tasso di conversione %

Qual è un buon tasso di conversione per un e-commerce?

Per identificare quale sia il tuo CR ideale dovrai tenere conto delle differenze in base al settore, paese, stagionalità, dispositivo, etc. Dovresti considerare anche che non tutti i siti hanno gli stessi standard e dovresti evitare il confronto con alcuni leader di settore.

Per esempio Amazon ha un tasso di conversione che si aggira intorno al 13%, questo dato è quasi 7 volte la media del settore. Va da se che non è un buon riferimento da tenere in considerazione.

Conversion rate medio e-commerce per settore a gennaio 2022

Il primo elemento da tenere presente è il settore di appartenenza del tuo e-commerce.

IRP Commerce fornisce dati tempestivi  e nel grafico di seguito hai una panoramica dei tassi di conversione medi divisi per settori di gennaio 2022 e la differenza con lo stesso mese del 2021.

Mercato dell’e-commerce gen-21 gen-22 Differenza Crescita
Apparecchiature elettriche e commerciali 0,95% 1,34% 0,39% 41,01%
Arti e mestieri 3,05% 3,95% 0,91% 29,80%
Cucina ed elettrodomestici 2,39% 2,72% 0,33% 13,86%
Sport e tempo libero 1,24% 1,38% 0,14% 11,15%
Bambino & Bambino 0,89% 0,91% 0,02% 2,20%
Cura degli animali N / A 2,60% 2,60% N / A
Giocattoli, giochi e oggetti da collezione N / A 2,03% 2,03% N / A
Abbigliamento e accessori di moda 1,75% 1,72% -0,03% -1,45%
Auto e Moto 1,27% 1,06% -0,21% -16,73%
Salute e benessere 3,43% 2,66% -0,76% -22,28%
Cibo bevanda 1,64% 1,22% -0,41% -25,24%
Accessori per la casa e articoli da regalo 2,23% 1,43% -0,79% -35,60%


Si può notare come i settori in maggiore crescita siano quello
di apparecchiature elettriche e arte e artigianato.

Tasso medio di conversione e-commerce Italia e nel mondo

Il tasso di conversione medio globale ad oggi si attesta attorno all’1,74%, ma è fondamentale, se si vuole avere un benchmark di riferimento, confrontarsi con i dati del Paese in cui avvengono le conversioni. L’Italia ad esempio nel 2021 ha registrato un CR medio dello 0,99%.

converison rare per paese

Conversion rate da mobile e da desktop

C’è ancora una grande differenza nel comportamento degli utenti che provengono da desktop e da mobile. In particolare si può notare come le persone che visitano gli e-commerce da desktop e tablet siano più propensi a concludere l’acquisto.

A livello globale, il valore medio dell’acquisto da desktop è stato del 42% superiore a quello su un smartphone nel terzo trimestre del 2020.

 

Il Funnel di conversione dell’e-commerce

Questo grafico a imbuto ci fornisce una visone interessante di come il processo per arrivare alla conversione è utile aldilà dei tassi medi di acquisto. Ci mostra infatti anche i tassi di conversione nelle varie fasi, evidenziando l’importanza delle sessioni con visualizzazioni di pagine dei prodotti:

 

funnel conversioni e-commerce

 

Questo ci fornisce un utile spunto di riflessione indicando su quali zone dell’e-commerce bisognerebbe intervenire per migliorare il processo di acquisto.

Conclusioni e riflessioni

È facilmente intuibile come i numeri debbano essere presi come indicativi in quanto sono in continuo mutamento e differiscono molto in base al contesto. Ce lo insegna anche la pandemia che stiamo vivendo e il modo in cui abbia stravolto velocemente i dati su cui avevamo imparato a basarci.

I nostri KPI sono da definire sempre in relazione al contesto in cui lavoriamo: paese, settore, target di riferimento, etc.

Ci sono però molte informazioni che i dati di un e-commerce possono darci per migliorare e aumentare il conversion rate e quindi l’esperienza di acquisto dei nostri utenti.

Vuoi aumentare il tasso di conversione del tuo e-commerce?

Aumenta le conversioni, le vendite ed i profitti grazie alla CRO (Convertion Rate Optimization). Contattaci per capire come.

 

Fissa un appuntamento