Come gestire i link interni del tuo sito: 7 consigli pratici

link interni sito web

I link interni di un sito web sono dei collegamenti ipertestuali che puntano ad un’altra pagina del sito stesso. Possono essere di due tipi: quelli che permettono la navigazione nel menù principale (nel footer o nella sidebar) e quelli presenti nei singoli articoli.

Si dibatte sempre molto sui backlink e sulle strategie di link building ma altrettanto importante è gestire (bene) i link interni di un sito, cioè quelli che collegano due risorse di uno stesso dominio, per ottimizzare il sito per i motori di ricerca e per garantire un’efficace esperienza di navigazione per l’utente.

A cosa servono i link interni?

I link interni, se costruiti bene, possono contribuire ad accrescere l’autorevolezza di determinate pagine del tuo sito e di conseguenza a migliorarne il posizionamento.

Vediamo brevemente a cosa servono.

Creano un percorso di approfondimento

I link interni fanno in modo che si creino nel sito dei percorsi ben precisi, che portano l’utente ad esplorare più pagine per approfondire i contenuti.

La scelta delle anchor e delle pagine di destinazione ha un ruolo fondamentale nella strategia di internal linking, per portare l’utente ad approfondire, in maniera naturale, il contenuto di una determinata pagina.

Aumentano la permanenza all’interno del tuo sito

Come ben sai, un buon tempo di permanenza è visto da Google come segnale di qualità del tuo sito.

Se la strategia di internal linking è ben definita, l’utente sarà portato ad effettuare un percorso intuitivo attraverso le anchor, restando più tempo all’interno del tuo sito.

Aiutano il posizionamento

Costruendo dei contenuti di qualità e utilizzando in modo strategico le keywords correlate come anchor per i link interni, si riesce ad indirizzare il traffico verso quelle pagine che ancora non sono posizionate.

Come gestire in modo semplice i link interni

1. Inserisci link interni in ogni pagina, responsabilmente.

Gli utenti usano i link per navigare all’interno di un sito, quindi includi link in tutte le pagine, in modo che chi naviga non incontri un “vicolo cieco” che li obblighi a “tornare indietro” o a uscire. Ma non esagerare con la quantità di link perché rischi di confondere gli utenti e rendere difficile la navigazione del sito (il buon senso è sempre la bussola).

Crea link che sono realmente rilevanti e importanti per il visitatore e ricorda:

Il numero di link interni che rimandano a una pagina è un’indicazione per i motori di ricerca in merito alla relativa importanza di tale pagina. Se una pagina importante non è visualizzata in questo elenco o se una pagina meno importante ha un numero relativamente elevato di link interni, dovresti considerare l’idea di riesaminare la struttura dei tuoi link interni. (fonte: Guida di Google Search Console)

2. Costruisci collegamenti tra pagine interne con parola chiave come ancora.

I link sul tuo sito web dovrebbero guidare l’utente verso altre pagine che offrono ulteriori informazioni, approfondiscono un argomento o rimandano a una risorsa. I collegamenti interni inviano anche segnali ai motori di ricerca e li aiutano a scansionare e a capire le tue pagine.

Quando aggiungi collegamenti interni, utilizza la parola chiave di destinazione della pagina come testo di ancoraggio – no questo non ti penalizzerà agli occhi di Google.

Sii coerente nella creazione dei testi di ancoraggio così come nella scelta della pagina di destinazione del collegamento

 3. Link pertinenti verso siti autorevoli.

In molti mi chiedono: “posso linkare altri siti?”. Certo che sì!

Crea collegamenti tra i tuoi contenuti e siti autorevoli (Wikipedia, Ansa, etc.), scegli risorse pertinenti: fonti e risorse che aggiungono valore e contesto alle tue pagine. Se sei utile all’utente, Google ti premia.

Imposta sempre i link in uscita in modo che si aprano in una nuova finestra con il target=”_blank”, l’attributo HTML per aprire un link in un’altra scheda del browser. Questo perché l’obiettivo è diminuire la frequenza di rimbalzo.

<a href=”https://www.quindo.it” target=”_blank”>Quindo</a>

Se usi WordPress è un’operazione ancora più semplice, non sarà necessario utilizzare il link interno HTML, ma ti basterà flaggare l’opzione “Apri il link in una nuova scheda”.

 

esempio tag blank su wordpress

 

Ti consiglio di usare l’attributo blank solo quando rimandi a risorse esterne, per evitare che chi naviga il tuo sito si ritrovi decine di schede aperte nel browser.

4. Correggi i link interni non funzionanti.

I link che non funzionano, sono danneggiati o generano un errore (404) invece di guidare il visitatore verso una nuova pagina o una risorsa, hanno un impatto negativo sulla SEO. Assicurati che tutti i link in entrata e in uscita sul tuo sito funzionino.

Se puoi, evita di reindirizzare le pagine del tuo sito ad altre pagine, sostituisci i reindirizzamenti con link diretti.

Con Screaming Frog – strumento gratuito per la SEO audit – puoi controllare, filtrare ed analizzare i link interni del tuo sito. I “Bulk Export” ti consentono di scaricare dei reports analitici per avere sott’occhio, in pochi secondi, la situazione dell’intero sito. Oltre a monitorare numero e “ancore”, puoi verificare lo “status code”.

verificare link interni

Questo report segnala il corretto funzionamento dei link sul tuo sito. In particolare troverai quali link presentano errori o reindirizzamenti:

  • redirection (3xx) inlinks;
  • client error (4xx) inlinks;
  • server error (5xx) inlinks.

5. Prova con la distribuzione dei link interni a Silo

La struttura a Silo ti permette di gerarchizzare in maniera verticale l’alberatura di un sito, per cui un contenuto principale aiuta gli altri a posizionarsi meglio tramite link interno.

Il contenuto con l’argomento principale (focus keyword) va posizionato in alto, mentre gli argomenti secondari (keywords correlate) si ramificano al di sotto gerarchicamente.

In questo modo, tramite i link interni, è possibile collegare le pagine e i contenuti semanticamente simili tra loro.

Questa distribuzione dei link interni a Silo permette al contenuto correlato di ottenere maggiore rilevanza e autorevolezza: ciò si traduce in un miglior posizionamento delle pagine secondarie.

6. L’utente al primo posto

Un altro fattore importante da tenere in considerazione quando ci si appresta ad utilizzare una strategia di internal linking è la User Experience.

L’usabilità, infatti, ha un grande valore per l’indicizzazione e Google premia i siti ben fatti.

Pertanto, ti consiglio di creare contenuti interessanti e collegarli tra loro in modo da approfondire il contenuto della pagina.

Fai in modo che il tuo utente sia portato a leggere di più, saltando da una pagina all’altra, attraverso link interni predisposti nel modo giusto.

7. Attenzione agli errori più comuni.

  • Non collegare tutte le pagina con le altre (l’utente deve avere un beneficio reale dal collegamento).
  • Fai attenzione a non inserire troppi link in uscita da una sola pagina.
  • Non utilizzare l’attributo “nofollow” nei link, altrimenti Google non può vedere e seguire il collegamento.
  • Non usare link interni che hai precedentemente bloccato tramite file robots.txt.
  • Non creare ancore irrilevanti come “clicca qui” o “leggi tutto”.

 

Adesso puoi verificare i link interni del tuo sito e migliorare l’ottimizzazione on-page del tuo sito. Se riscontri degli errori che non sai come correggere, vuoi implementare una strategia SEO efficace o hai bisogno di supporto, non esitare a scriverci!

Articoli Correlati

Guida SEO di sopravvivenza per manager e marketing manager: conoscere per scegliere

Mini guida di sopravvivenza per imprenditori, imprenditrici e marketing manager Premessa: perché questa mini guida L’annoso problema:... more

Dati Strutturati: Cosa sono, come utilizzarli e come implementarli nel tuo sito

Siete certi di dare a Google tutte le informazioni corrette sul contenuto delle vostre pagine State utilizzando correttamente i dati... more

SERP featured? Scopriamo tutte le funzionalità della SERP di Google

Le SERP featured sono gli elementi speciali che si aggiungono ai risultati organici di base di una pagina dei risultati del motore di ricerca di... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!