Il blog di Quindo

clone.jpg

Come e perché clonare un sito in WordPress

Cosa significa clonare un sito in WordPress?

In parole povere, clonare un sito significa crearne un’esatta copia separata, che può essere ospitata o sullo stesso server del sito in produzione (ovvero il sito originale) o su un server differente, a seconda delle necessità. Una volta terminata la procedura di clonazione, le due entità (sito originale e sito copia) agiranno come due siti separati, sui quali sarà possibile effettuare operazioni differenti l’uno dall’altro.

Quali sono gli scopi della clonazione di un sito in WordPress?

La clonazione di un sito in WordPress, e più in generale di un sito web, può rendersi necessaria per diversi motivi:

  • migrazione del sito: se si intende spostare il sito da un hosting a un altro, la clonazione è un’operazione imprescindibile, in quanto dobbiamo creare una copia dell’originale sul nuovo server per poi cambiare i puntamenti dei DNS oppure effettuare direttamente il trasferimento del dominio.
  • implementazione di una versione di sviluppo: prima di fare modifiche sul sito in produzione (ovvero quello “vero”, visto da tutti gli utenti), come installazioni di nuovi plugin, modifiche al codice, risoluzione di problemi, è buona norma agire sulla versione cosiddetta di sviluppo. Per questo, solitamente gli sviluppatori creano un clone della piattaforma in produzione, ospitandola su un server di test per fare lì sopra tutte le modifiche necessarie e poi riportarle sul sito originale, una volta appurato che non danno problemi.
  • aggiornamento piattaforma e plugin o sostituzione tema: l’operazione di aggiornamento piattaforma e plugin non è un’operazione che può essere fatta a cuor leggero sul sito di produzione, specie se è passato tanto tempo dall’ultima volta che abbiamo fatto tale operazione. Per questo, è opportuno effettuare le operazioni prima sul clone e poi, una volta verificato che i plugin aggiornati non creano conflitti tra di loro o con il tema (oppure una volta che i problemi emersi sono stati risolti), replicare su produzione i passi effettuati oppure caricare l’intero clone sovrascrivendo database e file.

Quale plugin scegliere per clonare un sito in WordPress?

Duplicator è il plugin più conosciuto e usato per effettuare clonazioni di siti in WordPress. Ha al suo attivo più di un milione di installazioni attive e dispone sia della versione gratuita che di quella Pro.

Quali passi seguire per clonare un sito in WordPress?

Creare una copia del sito con il plugin Duplicator

Come prima cosa occorre installare e attivare il plugin Duplicator. Successivamente cliccate sulla voce “Duplicator” che comparirà nel menu a sinistra. Vi troverete di fronte la seguente schermata.

Cliccate su “Create new”, in modo da creare un nuovo pacchetto di installazione. Infatti, con questo plugin è possibile creare dei file contenenti il materiale del sito, che verranno poi integrati in un installer da usare sul server su cui vogliamo copiare il clone.

Cliccando sul pulsante “Next”, il plugin procederà alla scansione del materiale, dandovi poi un feedback della stessa.

Procedete cliccando su “build”. Al termine, avrete questa schermata, da cui potrete scaricare i file.

Caricare i file sul server scelto

Il passo successivo è il caricamento via FTP, sul server scelto, dei due file scaricati dalla schermata precedente.

Impostare il nuovo database sul server scelto

Una volta caricati i file, dovete creare e impostare il database sul server su cui volete installare il clone. Molto probabilmente vi troverete davanti CPanel, che è una delle interfacce server più usate.

Cliccate su “Database MySql”, vi troverete davanti l’interfaccia per creare un nuovo database. Dopo averlo creato, sempre nella stessa schermata, scorrete fino alla parte di creazione nuovo utente.

Una volta creato l’utente, dovete associarlo al database: sempre nella stessa schermata scorrete fino al blocco “Aggiungi utente al database”, selezionate rispettivamente utente e database, poi “Aggiungi”, assegnate poi tutti i privilegi e salvate.

Avviare l’installer e terminare la procedura di clonazione

A questo punto, digitate sulla barra degli indirizzi la url del vostro server, aggiungendo in fondo /installer.php. Vi troverete la schermata dell’installer, mettete la spunta per i termini di servizio e cliccate sul pulsante “Next”: l’installer provvederà a scompattare il file .zip che avevate caricato via FTP.

Così, avrete davanti a voi la seguente schermata, da cui dovrete inserire i dati di connessione al database e premere “Next”.

Come ultimo passo, dovrete confermare la url e il title del sito clonato e premere “Next”.

A questo punto, il lavoro è fatto: l’ultima schermata vi informerà del risultato ed eventuali errori venuti fuori nel processo di clonazione.

Cliccando su “Site Login”, potrete accedere al pannello di amministrazione del vostro nuovo sito clonato ed effettuare tutti i test che desiderate.

Barbara PuppaCome e perché clonare un sito in WordPress

Sei arrivato fino in fondo all'articolo?

L'hai davvero letto tutto tutto? Allora non puoi che condividerlo sui social! Fai sapere al mondo quanto siamo bravi bravissimi... anche a scrivere articoli.
PS: anche se non l'hai letto per intero ma hai trovato che le parti in grassetto fossero fantastiche, cosa aspetti? Condividilo lo stesso! ;)

Nome (*)

Email (*)

Telefono (*)

Di cosa si occupa la tua azienda?

privacy Acconsento al trattamento dei dati secondo le modalità qui riportate.

Partecipa alla conversazione