Come creare contenuti di qualità scrivendo qualcosa di utile

scrivere contenuti di qualità

Avete mai cercato la parola “qualità” sul dizionario? Bhè, se non l’avete mai fatto, provate a dare un’occhiata: rimarrete probabilmente stupiti dalla varietà di significati diversi che possono essere attribuiti a questa semplice, ma preziosa parola.

Questo termine viene considerato un must in tantissimi settori: dalla cucina alla moda, dalle tecnologie al design, fino ai prodotti di uso quotidiano. Ma per chi lavora nel web, o per chi crea contenuti on line, che valore ha questa parola? Perché oggi sentiamo sempre più parlare di “contenuti di qualità”?

L’attività di copywriter non si limita più alla scrittura di contenuti corretti dal punto di vista grammaticale. Per differenziarci, per dare qualcosa in più ai nostri utenti, non soltanto dobbiamo creare contenuti originali, ma occorre anche studiare contenuti che soddisfino determinati bisogni.

Chi si occupa di web marketing e content marketing, sa bene che la sfida di oggi non è tanto stupire il lettore, ma rispondere alle “query” dell’utente. Quindi, chi decide che il nostro contenuto è di qualità?

Facciamo un’ esempio: oggi scriviamo un articolo per il nostro cliente che si occupa di moda. Dunque, creiamo contenuti sulle ultime tendenze, raccontiamo delle sfilate milanesi e, addirittura, potremmo arricchirlo con interviste di illustri stilisti.
Bene, per alcuni questo sarà un grande articolo, perché soddisfa le ricerche degli utenti che vogliono restare sempre aggiornati sulle ultime tendenze e collezioni. Qualcun’altro, però, leggerà al massimo il titolo del nostro articolo, perché non appassionato di moda, ma magari di sport o di cucina.

Chi scrive per il web deve avere ben chiaro il proprio business e il proprio pubblico, per poter intercettare, grazie ai contenuti, il maggior numero di utenti potenzialmente interessati, in modo da conquistarli e fidelizzarli.

Ma facciamo un passo alla volta e vediamo di cosa abbiamo bisogno per intercettare il nostro utente e produrre contenuti di qualità.

1. Studiamo il business del nostro cliente e il suo target di riferimento

Prima di iniziare a scrivere per il sito o il blog del nostro cliente, è opportuno dedicare un po’ di tempo a studiare il suo business, il mercato di riferimento, i prodotti e servizi che offre, i suoi concorrenti.

Conoscere per chi si scrive consente di avere una visione più chiara di quelli che saranno i contenuti da pubblicare e aiuta ad intercettare gli utenti finali a cui quei contenuti sono rivolti. Una volta definito il pubblico di interesse, è necessario rispondere alla seguente domanda: “cosa cerca il mio utente?”
Per capirlo, il web ci fornisce una serie di tool che ci aiutano a individuare quali sono gli intenti di ricerca dell’utente, quelle che più comunemente vengono chiamate “query”.

Se riusciamo, aiutiamoci attraverso le buyers personas a capire chi è il nostro utente, diamogli un nome, immedesimiamoci in lui, per capire meglio cosa può chiedere a Google quando digita una ricerca.

2. Facciamo una buona keyword research e formuliamo un piano editoriale

Una volta stabilito cosa cercano i nostri potenziali clienti, prima di creare un contenuto, facciamo un’analisi delle parole chiave più interessanti, che ci permetteranno, in seguito, di poter “posizionare” il testo.

Ricordiamoci, infatti, che i nostri contenuti devono piacere anche al nostro grande amico Google, perché sarà lui a decidere cosa far trovare oppure no. Detto ciò, tool alla mano (oggi ne abbiamo a disposizione tantissimi da poter utilizzare per fare un ottimo lavoro) siamo pronti a creare un calendario editoriale.

3. Creiamo contenuti originali

Adesso che abbiamo studiato il nostro cliente e il suo business, identificato il pubblico di riferimento, intercettato le query dell’utente e fatto una bella keyword research è ora di metterci alla tastiera.

Scrivere contenuti originali non significa che dobbiamo per forza stupire, sconvolgere, scuotere il nostro pubblico. Per contenuti originali si intendono quei contenuti creati da noi, dalla nostra creatività, perché è vietatissimo copiare!
Prima ancora che per ragioni di etica professionale, occorre stare attenti perché esistono strumenti, come copyscape, che permettono di capire se un testo è originale o se è stato copiato. Quindi, scordatevi dei copia e incolla e date spazio alla vostra bravura!

4. Cosa si intende per contenuti di qualità?

Finalmente eccoci qui, adesso siamo pronti per creare i nostri contenuti di qualità.
La scrittura per il web è identica a qualsiasi altro tipo di scrittura, dunque, un buon utilizzo della lingua italiana e della grammatica fanno già una buona parte del lavoro. Nella creazione di contenuti di qualità, quindi, tieni in mente queste semplici regole:

  • Scrivi in maniera semplice e rispondi alle domande del tuo utente
  • Fai una buona Keyword research, ma ricorda che il tuo testo non deve sembrare artificioso. Scrivi per google, ma soprattutto per i tuoi utenti
  • Cita fonti autorevoli
  • Scrivi contenuti facili da consultare, utilizza link e call to action quando è necessario
  • Scegli il giusto tone of voice, perché ogni azienda ha una sua personalità, un suo carattere, che deve essere trasmesso in modo giusto da chi scrive

I contenuti sono il cuore dell’inbound marketing, che oggi è una vera e propria metodologia, che si sviluppa per fasi, ognuna delle quali risponde a uno specifico obiettivo ed è raggiungibile utilizzando diverse azioni di marketing e di comunicazione digitale creati ad hoc.

Gli utenti vengono a conoscenza della tua azienda, interagiscono con te, acquistano e magari ritornano. Ognuna di queste fasi ha bisogno di tecniche diverse di marketing e, solo pubblicando il contenuto giusto, nel mezzo appropriato, nel momento adatto, la strategia diventa utile.

Per concludere, creare contenuti di qualità è un obiettivo che dobbiamo aver ben presente per aiutare i nostri clienti a comunicare efficacemente.

Ogni prodotto o servizio, infatti, nasce da un’idea e riuscire a comunicarla, in un mondo sommerso da informazioni e da pubblicità, è davvero difficile: riuscire a farlo significa diventare un alleato prezioso per il tuo cliente.

Articolo Correlati

Come creare contenuti di qualità scrivendo qualcosa di utile

Avete mai cercato la parola “qualità” sul dizionario Bhè, se non l’avete mai fatto, provate a dare un’occhiata: rimarrete... more

Una giornata di formazione all’Advanced SEO tool 2019

Vi avevamo già parlato degli eventi di formazione digital imperdibili per il 2019 e oggi, dopo 10 giorni dal noto evento SEO organizzato da... more

Diritto all’oblio: cosa, come, quando e perché

"Che cos'è il Diritto all'Oblio" facile trovarsi a porre questa domanda, confusi probabilmente dalla quantità di informazioni tecniche... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!