Budget marketing: cos’è, perché ti serve, come definirlo

Budget marketing

Budget marketing cos’è

Il Budget è un documento previsionale in cui vengono indicate le risorse economiche allocate da un’azienda per svolgere una o più attività, nel caso di budget marketing si fa riferimento ad una certa cifra economica che un’azienda mette a disposizione a fronte di una pianificazione pubblicitaria e promozionale. Comprende le risorse necessarie per affrontare tutte le azioni di comunicazione e le strategie che serviranno a portare l’azienda a raggiungere gli obiettivi di vendita che sono stati stabiliti a inizio anno.

Il budget per le attività di marketing si definisce su base annua e rappresenta una componente fondamentale del processo di programmazione economica e gestionale dell’impresa e come tutti i budget va interpretato considerando a priori un certo grado di approssimazione previsionale.

 

A che cosa serve il budget di marketing

Lo scopo reale di un budget di marketing è fissare l’importo che verrà speso in attività di comunicazione per raggiungere determinati obiettivi che possono essere di vendita, di branding, di posizionamento nel mercato di riferimento. Qualsiasi attività di un’azienda indipendentemente dalla tipologia, ha necessità di essere quantificata e rapportata ai risultati ottenuti: solo paragonando queste due grandezze è possibile effettivamente stabilire se una determinata azione, soprattutto se si parla di marketing, ha funzionato o meno.

Per questo motivo il budget di marketing diventa un documento indispensabile che serve per verificare non solo l’efficacia di una determinata strategia ma anche per controllare l’andamento del piano di marketing ed eventualmente intervenire per riuscire ad effettuare delle azioni correttive nel caso i risultati intermedi non fossero poi conformi a quelli attesi.

 

Come definire il Budget Marketing

Lo abbiamo già detto ma meglio ripeterlo: definire un budget da destinare al marketing è fondamentale per ogni azienda, dalla microimpresa alla multinazionale. Questo perché oltre a fornire un prodotto o servizio devi anche far sapere alle persone che possono acquistarlo in sintesi possiamo dire NO BUDGET NO PARTY!

Il budget marketing si stabilisce in base a diversi parametri, che sono:

  • Fatturato dell’azienda (ovviamente ci devono essere dei ricavi da destinare al budget marketing)
  • Obiettivi dell’azienda (che possono essere espansionistici e/o protezionistici)
  • Comportamento dei competitor (se il mercato è livellato basta poco per emergere)
  • Tipologia di azienda (ad esempio le start up devono investire di più perché devono farsi conoscere)
  • Aspettative di crescita della base clienti (è necessario quantificarle per poi monitorare i risultati)
  • Tempi per il raggiungimento degli obiettivi (breve o lungo termine)
  • La volontà di creare un supporto alla propria rete commerciale in modo da strutturare in modo più mirato le strategie di vendita.

Puoi considerare questo elenco una vera e propria checklist e iniziare così a quantificare l’investimento da fare!

 

Quanto investire in marketing

Non esiste una regola che possa andare bene ma generalmente rispetto al fatturato previsionale che si vuole ottenere il budget marketing ideale è dal 5% al 10% (dove il 5% si riferisce ad aziende che sono in un mercato non troppo competitivo e che vogliono mantenere le proprie quote mentre il 10% si riferisce ad aziende che vogliono incrementare le proprie quote di mercato oppure che si trovano in un mercato ad alta competizione dove è necessario avere un’alta visibilità)

Discorso diverso deve essere fatto per le startup che dovrebbero investire in media tra il 20% al 30% nei primi anni, per emergere rispetto a realtà più consolidate e anche semplicemente per farsi conoscere.

 

Il primo passo nella definizione di qualsiasi budget di marketing è: definisci bene che risultati vuoi ottenere e come ottenerli

Non esiste un piano di marketing che possa andare bene per tutti i tipi di aziende ma tutti di sicuro quelli più efficaci rispondono a quesiti come:

  • Quali sono i risultati che vuoi ottenere?
  • Vuoi focalizzarti sulle vendite e sulla visibilità del brand?
  • Quali strategie hai adottato in passato? Cosa ha funzionato meglio?
  • Quali sono le soluzioni digitali che possono supportare il tuo piano marketing e attualizzare le tue campagne marketing? Hai analizzato costi/benefeci di strumenti innovativi che possono aiutarti ad intercettare il tuo target di riferimento?

 

Qualsiasi strategia di presenza digitale non può prescindere dall’essere la risposta alla ricerca del tuo potenziale cliente e se una volta lo strumento per arrivare al proprio target era la carta stampata o lo spot televisivo ad oggi nessuna strategia può esimersi dall’utilizza di questi tre strumenti digitali indispensabili per incrementare la visibilità online:

  • Seo per migliore la posizione del proprio sito ed essere visibile alla platea di riferimento
  • Google Ads per promuovere sito e quindi la vendita attraverso annunci a pagamento
  • Social marketing per gestire una presenza profilata su piattaforme social come Facebook o Instagram

 

Perché la SEO deve essere la prima voce del vostro budget

Come nella vita di tutti i giorni anche nel digitale ci sono spese durevoli (investimenti a lunga scadenza dai quali avrai un ritorno) e spese che soddisfano un bisogno contingente ma che esauriscono il loro beneficio sul momento senza che ci siamo effetti duraturi ed è sostanzialmente questa in termini economici la differenza tra le tre voci che abbiamo appena visto: la SEO rappresenta la voce che traduce in investimento la vostra spesa.

La SEO, soprattutto se affidata ad agenzie strutturate e professionali ha un costo che alcuni sottovalutano ma non sempre servono grandi budget per creare una strategia di posizionamento efficace e nel segmentare il nostro budget è sempre utile ripeterci il mantra che per convertire dobbiamo essere al posto giusto al momento giusto e cioè nella prima pagina di Google! La chiave per farlo? La SEO.

Gli ultimi dati riportano che oltre l’85% degli utenti che atterrano su un sito e cosa molto importante, veicolano conversioni arriva da ricerche sui motori di ricerca. Considerando che Google è il motore di ricerca più utilizzato sul pianeta poiché detiene circa il 75% del mercato di ricerca complessivo, che Google è il più popolare provider di posta elettronica al mondo (con oltre 1 miliardo di utenti) e che YouTube (canale video di sua proprietà) è il 2 motore di ricerca… è fortemente auspicabile attenersi alle linee guida di Google, ottimizzare il nostro sito e aspirare a risultare tra i primi risultati della SERP.

 

Investire nella Seo è una scelta vincente perché:

  • i risultati che offre sono organici: non sei tu ad andare a cercare l’utente ma è lui, con le sue ricerche a venire da te. Questo cambia completamente il rapporto cliente/azienda: l’utente sarà più propenso all’acquisto e intercetterà i tuoi prodotti e servizi, ricordandoli come utili e di valore dato che non gli sono stati proposti tramite interruzioni pubblicitarie ma è stato lui “ad andarseli a cercare “.

 

  • è un investimento di lungo periodo: la SEO, nonostante i continui aggiornamenti e miglioramenti dell’algoritmo, è una scelta di business di lungo periodo. Così come non vedrai immediatamente i frutti dei tuoi sforzi, il processo è gestito dai motori di ricerca, puoi comunque avere la tranquillità di essere in grado di raggiungere buoni risultati se sceglierai una consulenza SEO ben ideata e gestita.

 

  • genera fiducia dell’utente: vedere il sito nelle prime pagine trasmette affidabilità e credibilità.

 

  • costituisce una spesa all’interno del budget di marketing definita preventivamente i cui risultati saranno tangibili e durevoli. Non è pay-per-clic: sai in anticipo quello che spenderai a prescindere dai “clic” ricevuti dall’utente. I risultati di posizionamento possono dare una notevole spinta ad incanalare lead al tuo sito senza per questo generare costi aggiuntivi rispetto a quelli allocati per la strategia Seo.

 

 

La chiave per un’attività SEO di successo è quello di pianificare la vostra campagna correttamente e scegliere le parole chiave e le frasi in modo da massimizzare il rendimento. Qui è dove i servizi di un esperto qualificato SEO valgono l’investimento: l’esperto analizza il vostro settore di mercato ed individua le migliori condizioni di ricerca da utilizzare per la campagna, massimizzare i rendimenti e cosa importantissima fa in modo che le altre voci che compongono il budget di marketing siano efficaci perché sostenute da una strategia di base che le rende omogenee anche se diversificate.

Articoli Correlati

Copywriter, chi è e cosa fa questo professionista sul web

Cos'è un copywriter O meglio, chi è Si tratta della figura professionale che letteralmente scrive i copy, ossia i testi Questi possono essere... more

Diversity & Inclusion: perché sono importanti in azienda?

Le più grandi aziende del mondo, e non solo, sono impegnate nel farsi portavoce di valori importanti come la diversity e l’inclusion Ma cosa... more

Cos’è un funnel di vendita

La parola funnel significa imbuto e, come ben sappiamo, la particolarità di un imbuto è di avere un’apertura molto ampia e la parte... more

Vuoi essere il nostro prossimo cliente felice?

Ogni anno gestiamo oltre 100 clienti, il 99% sono felici!